Il Tar Lecce annulla definitivamente la gara per la bonifica della discarica di Autigno

tar-slid

LECCE – Non trova pace la vicenda legata alla rimozione del percolato nella discarica. Contrapposte due ditte di Carmiano e Ostuni.

Con sentenza pubblicata il 23 giugno n. 1020, il Tar di Lecce, Sez. Prima (Pres. Pasca e Estens. Palmieri) ha annullato definitivamente l’affidamento, da parte del Comune di Brindisi, dell’intervento di rimozione del percolato della discarica di Autigno, sotto sequestro da mesi per contaminazione della falda.

Già con ordinanza del 29 gennaio la prima sezione del Tar Lecce aveva sospeso l’affidamento della gara accogliendo l’istanza di sospensione connessa al ricorso proposto dalla seconda azienda classificata, la Ecolservizi Srl, contro l’aggiudicataria Idrovelox di Carmiano, designata con procedura di urgenza considerata illegittima dalla ricorrente, rappresentata dall’avvocato Alfredo Matranga.

Con la citata sentenza i giudici amministrativi hanno confermato la precedente ordinanza osservando che non poteva trovare accoglimento l’istituto del cosiddetto soccorso istruttorio, che consente di sanare requisiti che avrebbero dovuto essere presenti già al momento della scadenza del termine di presentazione delle offerte. Di conseguenza non poteva il Comune affidare il servizio alla Idrovelox che, contrariamente al bando, al momento della presentazione delle offerte non aveva prodotto l’impegno del fideiussore a rilasciare la garanzia finanziaria prevista per l’esecuzione del contratto. E’ emerso, infatti, in atti che la stipula dell’atto di garanzia fideiussoria per la cauzione definitiva sia avvenuta l’11 dicembre 2015, vale a dire dopo l’aggiudicazione provvisoria.

Il TAR ha condannato Comune di Brindisi al pagamento delle spese processuali liquidate in € 1.500,00 oltre accessori di legge e al rimborso del costo del contributo unificato pari ad € 2.000,00.

 

 

NO COMMENTS